L’urlaccio all’italiana

Sottotitolo: cose che non mi mancano della vita in ufficio in Italia.


“Shut up,    SHUT!    UP!”. L’urlo scaccia la quiete dell’ufficio, che di solito ha il sottofondo musicale delle ventole dell’aria condizionata e di ticchettio dei pulsanti della tastiera. Passa un lunghissimo momento nel quale cerco di non incrociare lo sguardo di nessuno. Sento il capo, che siede a pochi metri da me, fare capolino dalla sua stanza, ma poi timidamente ritrarsi. In quattro anni che lavoro in questo paese, non era mai successo che qualcuno alzasse la voce con un collega in maniera cosi’ teatrale e aggressiva.

In effetti, l’ultima volta che era accaduto lavoravo ancora in Italia. L’urlo tra colleghi e’ di uso comune dalla Lombardia alla Sicilia, un passaparola interminabile che parte dall’amministratore delegato lungo la catena di comando fino al povero impiegato di turno. Durante i primi mesi di lavoro, ricordo i cazziatoni che arrivavano da una delle poche dirigenti donne dell’industria petrolifera, soprannominato il Drago, che come il fabbro ferraio forgia spade e armature battendo il ferro appena uscito dalla fornace, cosi’ lei abbatteva giovani teste di neoassunti.

Tutto cio’ non mi manca: ci sono altre sfide culturali, ma la vita dell’ufficio in Saudi trascorre con serenita’. Il livello di stress e’ contenuto e si evitano gli scontri personali: ne giova il fegato e si lavora senza avere un fabbro ferraio nella stanza accanto.

Eppure l’urlo c’e’ stato, anche in un ufficio saudita. Di chi si tratta, vi starete chiedendo. Semplice: un collega italiano – forse scordatosi di non essere piu’ a Cernusco sul Naviglio – si era accanito su un giovane collega saudita, creando una breve crisi diplomatica tra Stati che poteva sfociare nell’invio di caccia sauditi sulle spiagge riminesi in piena stagione balneare.

Perche’ come insegna il saggio zio Tobia, possessore della celeberrima fattoria: il cane abbaia, il gatto miagola, la mucca muggisce… l’italiano urla!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...