Nonostante il velo: consigli per la lettura

Siamo scrittori dilettanti e il nostro blog è un diario di memorie senza aspirazioni editoriali, ma ancora non eravamo riusciti a trovare un libro che, come solo chi sa scrivere può fare, esprimesse in modo diretto e conciso i nostri pensieri qui appuntati in libertà.

coverL’abbiamo finalmente scovato – con in aggiunta un ulteriore bagaglio di informazioni affascinanti e uniche.

Si tratta del libro di Michela Fontana, una giornalista milanese “in trasferta” saudita per un paio d’anni, che ha avuto la curiosità e la tenacia di scovare ed intervistare donne saudite di ogni estrazione ed inclinazione. Conservatrici, liberali, affermate affariste, madri di (più o meno ampia) famiglia.

Al di là del tema principale – per cui consigliamo la lettura del libro, ovviamente – mi sono ritrovata in molti commenti e piccole osservazioni che Michela fa a lato del racconto, o in frasi raccolte nelle sue interviste, che bene concettualizzano l’esperienza di vita che abbiamo sperimentato fin ora in questa terra piena di contraddizioni che è tanto difficile raccontare. È difficile farne capire i meccanismi e le complessità, oltre i preconcetti ed il sentito dire che tanto ci fa credere di saperne davvero di un popolo o di una cultura diversa dalla nostra.

Fin dalla prima impressione atterrando nel Paese, con la ragnatela di strade in contrasto con il buio del deserto circostante, il racconto tocca impressioni che ho vissuto in prima persona – e con me, tante altre, arrivate in Arabia da Stati lontani, in tutti i sensi. Il nero è il colore che caratterizza tutto fin dall’inizio, a partire dalla tanto discussa abaya, “di uno sgradevole e scivoloso materiale sintetico“. “Sentivo che l’esperienza che mi accingevo a vivere sarebbe stata unica e indimenticabile. E avrei scoperto che il mio essere donna l’avrebbe arricchita, non impoverita“: nonostante tutti i timori che questa parte di Mondo incute, l’occasione di vivere in Saudi è davvero unica – e spesso irripetibile.

E come accade anche nel “nostro” Mondo, è spesso la mancanza di solidarietà femminile che rende le cose difficili. Raccontando la storia di una affermata dottoressa saudita, cita la sua riflessione: “Mi spiace dover dire che le più dure avversarie delle donne sono le donne. Al Forum economico di Jeddah, nel 2004, è stata una donna a denunciarmi alle autorità religiose perché parlavo in un ambiente misto, e in altre occasioni sono sempre state delle donne a criticarmi“.

Un’altra donna medico parla invece di come vive la sua religiosità – e non sarà l’unica, ovviamente: “Credo che tutte le religioni debbano insegnare soprattutto ad amare. Anche nella mia religione c’è l’amore, ma molti, chissà perché, non lo vogliono vedere“.

Spesso ci è capitato di notare quanto, nonostante le sfide dell’essere donna in un Paese così chiuso, ci sia una luce particolare negli occhi di chi ce l’ha fatta. Michela lo descrive così: “…c’è qualcosa che contraddistingue e caratterizza le giovani saudite in carriera e le rende interessanti. Tutte sono accomunate da un desiderio di affermazione fresco e genuino, dalla consapevolezza che la loro buona sorte può svanire da un momento all’altro“.

Negli anni vissuti a Riad ho scoperto che sempre più donne saudite si fanno protagoniste del loro destino. Non più rassegnate e sottomesse, ma attive e coraggiose. E vogliono che le loro voci siano udite“: leggete il libro per scoprire che storie fantastiche – ma anche strazianti – queste voci abbiano da raccontare.

Nonostante il velo. Donne dell’Arabia Saudita

Di Michela Fontana

Editore Vanda Epublishing – disponibile anche in ebook

Annunci

3 pensieri su “Nonostante il velo: consigli per la lettura

  1. Massimo Stefanoni

    Mi fa piacere che ti sia piaciuto il libro che ho recuperato durante la bella Conferenza che Michela ha tenuto all’Uni Ter di Arese, proprio la settimana prima della mia che si è quindi benissimo agganciata: sto cercando di trovare il modo di farle arrivare il tuo bel messaggio 🙂

    Pooper

  2. lore

    Che bella sensazione mi arriva (oltre che conferma del poco che ho potuto constatare mentre ero tua ospite). Lo desidero leggere anche io.
    Ogni parla che scrivi mi trasmette la speranza, desiderata e possibile, che il mondo tutto (non solo quello saudita) possa riconoscere nell’affermazione di Michela a riguardo dell’amore un presente e un futuro davvero possibile. Bello.

  3. Salvatore Del Boccio

    Valentina, complimenti e tanto coraggio, che direi non manca.
    La situazione che racconti non è certamente delle migliori, tuttavia leggo sei sempre stata in grado di farvi testa malgrado tutto.
    Per ora ti faccio tanti Auguri di Buona Pasqua.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...