Le Olimpiadi viste da Saudi: fatti e curiosità

Saudi team.jpgOgni quattro anni, il mio agosto si trasforma nel mese delle olimpiadi. Tra un tuffo al mare ed una scalata in montagna, ho dei ricordi cristallini delle ultime quattro olimpiadi, vissute cercando una tv che prendesse il canale Rai dei giochi in qualche remota localita’ italiana.

A parte il fatto che le vacanze sono gia’ finite e la postazione da cui assisto ai giochi e’ in un altro continente, tutto il resto si svolge come sempre: divano allestito coi colori a tema, canali Rai tutti operativi, occhio visso al medagliere e zapping tra sport sconosciuti ma nei quali un italiano potrebbe essere a medaglia (a scelta: Judo, canottaggio, armi da fuoco varie e l’immancabile scherma).

Questa volta pero’ non tutte le mie attenzioni sono per la spedizione italiana: con la riconoscenza che si deve al paese che mi ospita, quest’anno non posso che simpatizzare anche per l’agguerritissima delegazione saudita, ben 12 atleti (di cui 5 donne, autorizzate a partecipare alle gare olimpioniche per la seconda volta dopo Londra 2012) che gareggeranno nell’atletica leggera, scherma, judo, pistola ad aria compressa e sollevamento pesi.

Non conosco bene la vera provenienza degli atleti sauditi (anche se ad una prima vista molti sembrano essere di origini egizio-libanesi), tuttavia volti e nomi sicuramente non sfigurano rispetto all’improbabile delegazione qatarina: 38 atleti, qatarini di passaporto ma dalla origini sparse nei cinque continenti. Spiccano il sospetto Li Ping al Ping-Pong (un nome, una garanzia di vittoria), il solido Žarko Marković, capitano del team di pallamano composto da 5 ex croati, due quasi siriani, un forse cubano, uno pseudo spagnolo ed un mezzo francese. Si dice la medaglia d’oro sia assicurata, cosi’ come d’oro e’ stato il loro ingaggio a sei cifre.

A proposito di medaglie, Wikipedia ci ricorda il palmares saudita: 1 argento nei 400 metri ostacoli a Sidney 2000, due bronzi nell’equitazione nel 2000 e nel 2012. Ecco, la lista finisce qua, ma le cose possono solo migliorare.

Nel frattempo, a pochi giorni dall’inizio, abbiamo gia’ i primi impietosi risultati: 32esimi (su 32) nella pistola, ritirati nel judo (si dice per evitare un incontro con l’atleta israeliana), eliminati nella scherma al primo round; tutte le speranze sono riposte nei rimanenti atleti, mentre gli eliminati si presume vorranno godersi l’allegria e spensieratezza brasiliana.

Che poi io gia’ me li immagino sulla spiaggia di Copacabana, vestiti con abiti proibiti a sorseggiare bevande proibite mentre il sole tramonta. Fuori dal podio assaporando la liberta’: ad ognuno le sue medaglie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...