Per me è arabo 2.0

I mesi passano, e con loro anche le lezioni di lingua araba. Come promesso, un aggiornamento sullo stato del nostro processo di apprendimento è doveroso.

Arab

Vi avevamo lasciati che non sapevano dire “il gatto è sul tavolo“: siate fieri di noi, ora lo sappiamo dire! Abbiamo anche colmato la carenza di vocabolario sull’argomento che, da secoli, è il prediletto per iniziare ad intavolare una discussione: il meteo. Per correttezza, già vi anticipo che l’intavolare una discussione non è ancora nelle nostre corde, ma almeno siamo in grado di iniziarne una: oggi fa caldo, fa MOLTO caldo (gettonatissimo), oggi fa freddo (?), che umidità!, e così via.

Weather

Anche sul lato grammaticale avanziamo di contenuti, che vengono purtroppo bilanciati dall’imbattersi in regole sempre più complicate, e perfettamente illogiche – in perfetto stile arabo, che apprezza il caos come nessuno.

Vi ricordate dei numeri? Il 4 che si scrive come un 3 al contrario, o il 7 che in realtà è il 6? Rimpiangiamo i tempi in cui pensavamo a questo come il massimo livello di perversione. Siete pronti per un viaggio metafisico nella lingua araba?

Ogni sostantivo ha un singolare e un plurale, ma in più si aggiungono regole speciali per i riferimenti a coppie. Passare dal singolare al plurale/doppio poi non è così scontato: c’è una regola, ma sono molte di più le eccezioni – e in questo si riassume l’essenza stessa del pensiero arabo. I sostantivi plurali, sia di genere maschile che femminile, si accompagnano ad un aggettivo di genere femminile. Quando invece si “contano” i nomi (ad esempio, un anno, due anni, tre anni), il genere del numero è l’opposto del genere del nome – eh sí, anche i numeri possono essere femminili o maschili.

Al solo scrivere nero su bianco quanto imparato mi si è appannata la vista, ma ci sono almeno due aspetti che rendono le nostre serate di arabo irrinunciabili:

– riuscire a cogliere, seppur sommariamente, ciò di cui stanno parlando tra loro due madrelingua è una soddisfazione incredibile. Magari cogliamo giusto due parole, ma questo è proprio quello che non rende vano lo sforzo che proviamo a metterci nell’imparare questa lingua, affascinante e ostica.

– tornare a scuola e dividere il banco con altri adulti è un’esperienza che dovrebbero fare tutti. Ci ricorda quanto sia difficile tornare a studiare, quanto sia estremamente semplice farlo da bambini, ma anche quanto sia divertente quando non c’è la pressione del risultato ma solo la curiosità di conoscere chi è matto come te a condividere 3 ore settimanali combattendo con l’arabo.

Che dire, ما شاء الله!

Annunci

3 thoughts on “Per me è arabo 2.0

  1. Masha Allah!!! pensate a quando riuscirete a scrivere sms in arabo utilizzando caratteri latini, ma parole arabe…. e scopritete che il 3 ed il 7 sono anche due lettere e non solo due numeri!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...