Bilancio di 1 anno di Arabia (e di blog): indietro non si torna!

IMG_0524

Esattamente la notte di un anno fa, il 18 settembre, atterravo in Arabia accompagnato da tre valigie, un po’ di timore, i saluti dei famigliari che riecheggiavano nelle orecchie, l’ultimo calice di vino bevuto nello scalo in Qatar, una modesta speranza di completare al piu’ presto le procedure di autorizzazione per l’ingresso di Valentina nel paese.

Oggi, mentre scrivo queste righe, sono consapevole che tutto sia cambiato e arricchito: la routine quotidiana, la lingua in cui parlo quotidianamente al di fuori delle mura di casa, le amicizie, il computer da cui scrivo questo post, la conoscenza dell’islam e della cultura araba, le skill lavorative e relazionali…

Vivere in Arabia e’ un’esperienza unica. Data la mia professione che mi mette spesso a contatto con bilanci e numeri – no, non sono ingegnere!, ecco la mia personalissima sintesi del primo anno in Arabia Saudita:

  • 10 – le nazioni che abbiamo visitato negli ultimi 365 giorni. Se a queste includiamo il Kuwait e l’Oman che visiteremo nelle prossime due settimane, avremo toccato tutti i paesi del Golfo compresi tutti i 7 Emirati degli UAE.
  • 5.700 – la cilindrata della mia auto – Toyota Sequoia – rigorosamente a benzina, fuori commercio in Europa
  • 19 – i nuovi nuclei famigliari italiani – a mia conoscenza – che hanno deciso di trasferirsi in Saudi
  • 20 – i giochi in scatola che ho portato dall’Italia e testato con i colleghi nel compound
  • – gli articoli pubblicati sulla nostra storia di giovani italiani emigrati in KSA sulla stampa italiana
  • 96 – le nazioni che hanno visitato questo blog ( ci sono stati contatti anche da Madagascar, Rwanda, Seychelles, Iraq, Macedonia..)
  • 66 – i nuovi timbri sul passaporto
  • 33 – le nazioni rappresentate nella mia Direzione (si va dal Venezuela all’Australia, dalla Norvegia al Sud Africa!)
  • 28.000 – i chilometri guidati schivando gli imprudenti (eufemismo!) autisti sauditi
  • 14.127 – i visitatori di questo blog – GRAZIE!
  • 600 euro – totale spesa in benzina
  • 2.500 euro – quanto avremmo speso in benzina se fossimo stati in Italia con la nostra Peugeout 206
  • 3,6 miliardi (circa)- i barili di petrolio che sono stati estratti in Arabia Saudita

IMG_0396

Certo, c’e’ avuto un po’ di coraggio a mollare tutto (famiglia, amici e routine), accettare la sfida di muoversi in un mondo completamente diverso quale e’ il Medio Oriente (che non e’ l’Austria!), ma alla fine ne e’ valsa la pena.

Qui ho trovato speranza, prospettive, passioni e divertimento: cara Italia, indietro non si torna!

Annunci

4 thoughts on “Bilancio di 1 anno di Arabia (e di blog): indietro non si torna!

  1. E via il 1° anno 🙂 ma ci siete anche voi tra “gli articoli pubblicati sulla nostra storia di giovani italiani emigrati in KSA sulla stampa italiana” ? Se si, dove sono usciti che devo averli persi ?

  2. Ciao Matteo e valentina,seguo i vostri post con molto interesse, mi chiamo Flavia,sono veneta,e avrei necessità di comunicare con voi in forma privata.poi vi spiegherò. Avete un indirizzo mail? Il mio è Flavia.dv@libero.it. Attendo vostre notizie. Ringraziandovi fin d’ora per l’attenzione,un simpatico saluto. Flavia

  3. Pingback: Bilancio di 2 anni di Arabia: hic manebimus optime! | Life on oil field

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...