Where we are: standing on the shoulders of (oil) giants

Vale & Teo & Giacimento

Sarò tecnico ma breve, dato che in questo spazio si vuole parlare di Arabia Saudita (da oggi scriverò per brevità KSA) come esperienza di vita, ma dato che al momento i nostri piedi poggiano ancora sul terreno del Belpaese i racconti esotici devono aspettare.

Quella che vedete qui sopra è una cartina relativa alla zona in cui vivremo io e Valentina tra qualche settimana (il counter in questo momento segnala 20 giorni!). In verde si distinguono delle sagome più o meno grandi: sono i giacimenti petroliferi della nostra zona (in rosso le scoperte di gas naturale). Giusto per darvi un’indicazione di massima: in un raggio a 300 km da dove viviamo noi ci sono circa 250 miliardi di barili sotto il terreno, una quantità enorme che non trova riscontri in nessun luogo al mondo e – a seconda della classificazione – pari a 15/25% di tutto il petrolio scoperto nel mondo. La cittadina dove risiederemo si chiama Abqaiq, come l’omonimo giacimento sopra lil quale è stata costruita. Questo campo di petrolio, che è uno dei tanti di queste dimensioni in KSA, negli anni ’70 produceva circa 1 milioni di barili al giorno: se fosse stata un’azienda petrolifera, sarebbe l’ottava major al mondo per dimensioni e soddisferebbe il consumo di un paese a scelta tra Olanda, Australia o (quasi) Indonesia. Oggi la produzione è scesa, ma è ancora in grado di garantire l’approvvigionamento equivalente di uno stato come il Belgio. A pochi chilometri più a sud, si intravede un’altra orma verde: si tratta del giacimento di Al Ghawar, il giacimento più grande del mondo e una specie di leggenda nell’industria petrolifera: si sviluppa lungo una distanza pari a Milano – Venezia e la sua produzione di greggio è pari al consumo di Germania, Francia e Italia messe insieme.

Come vedete, c’è da rimanere affascinati: sotto il suolo dove vivremo la nostra quotidianità saudita, c’è il carburante che dà vita al mondo e ci ha consegnato il benessere in cui viviamo oggi.

Benvenuti!

Chissà quanti hanno sognato di vivere sopra un ricco deposito di petrolio e di picconare il terreno fino a veder sgorgare il prezioso liquido nero: ebbene, noi siamo sopra alcuni dei giacimenti più grandi del mondo e poiché non siamo in Texas, ma in Arabia Saudita, riteniamo che l’idea di raccontare la nostra esperienza a chi ha voglia di seguirci sia doppiamente fonte di curiosità e interesse. Il 18 settembre 2013 inizia la nostra spedizione in Medio Oriente!

BlogItalia - La directory italiana dei blog